ITA - ENG

Milan opening

Aprile 2011

 Ceccotti Collezioni ha scelto Milano per il suo primo monomarca: in occasione del prossimo Salone di Milano, l’Azienda inaugurerà i propri spazi con una retrospettiva, realizzata dall’Architetto Vincenzo De Cotiis, dedicata ai suoi primi venticinque anni.
 Il riconoscimento dell’azienda a livello internazionale ha spinto Franco Ceccotti, figlio d’arte e fondatore di Collezioni, a puntare sul mercato interno per il primo monomarca: “Ceccotti Collezioni ha dimostrato il carattere e le qualità di un azienda che non ha mai rinnegato la propria intima vocazione all’artigianato di lusso, ma ha saputo tradurla in nuove interpretazioni contemporanee”.


 Lo spazio


 Lo showroom, progettato da Vincenzo De Cotiis, occupa una superficie di circa 200mq su due livelli e si affaccia con due vetrine su via Pisoni, tra via Manzoni e via dei Giardini.
 Lo spazio, concepito come una galleria, punta su un interior design minimale e industriale con il recupero di alcuni elementi grezzi come la colonna ed il muro in cemento e gli infissi d’epoca, in contrasto con le pareti bianche ed il pavimento in resina grigio e l’illuminazione tecnica.
 La ricerca e l’impiego di materiali inediti si concentra su alcuni interventi molto precisi e personali - come la parete in tessuto tesato passato a scagliola - e caratterizzano un contenitore pensato per accogliere e dare il massimo risalto alla produzione Ceccotti.
 L’azienda è conosciuta in tutto il mondo per gli arredi e gli oggetti creati grazie alla particolare e sapiente tecnica con cui il legno è lavorato, avvalendosi di maestranze e artigiani il cui know how ha una lunga tradizione; il nuovo showroom non sarà unicamente contenitore ideale del prodotto Ceccotti ma anche spazio polifunzionale, ospitando in vari momenti dell’anno, momenti dedicati all’arte ed altri mondi affini al brand.


L’installazione
 Ceccotti riproporrà una selezione di pezzi storici realizzati nel tempo dai prestigiosi designer con cui l’Azienda toscana collabora sin dagli inizi, progettisti del calibro di Noé Duchaufour-Lawrance, Christophe Pillet, Jaime Hayon, Ross Lovegrove, André Dubreuil, Jeannot Cerutti, Roberto Lazzeroni e Vincenzo de Cotiis, attuale direttore artistico.
 L’installazione realizzata da Vincenzo de Cotiis, esporrà per l’occasione solo sedute: in tutto venticinque pezzi creati dal 1986 in poi, realizzati in una veste inedita in occasione del Salone.
 I pezzi storici, scelti dalla produzione Ceccotti, saranno allestiti con un intervento che vedrà le sedute sospese, appoggiate a terra o a parete, editate per l’occasione da Vincenzo de Cotiis in versione bianca o nera con effetto optical a definire forme e volumi degli oggetti.